La tempesta solare è classificata G3 su una scala di 5

DAKILA notizie ricerche

fonte: www.terra.com.br

Una forte tempesta solare, che sembrava dissiparsi, ha colpito la Terra giovedì notte, diventando l'evento geomagnetico più importante dal 2004, hanno detto gli esperti statunitensi venerdì 9 marzo 2012, che si aspettano di più attività per questo fine settimana.
Lo scarico della radiazione solare ha causato poche interruzioni alla rete elettrica, ma ha costretto le compagnie aeree a deviare le rotte attorno ai poli e ha generato immagini impressionanti dell'aurora boreale in alcune parti del mondo. Il fenomeno è iniziato martedì sera con una serie di esplosioni nel Sole, che hanno inviato particelle cariche a grande velocità sulla Terra, ma la tempesta sembrava dissiparsi giovedì, senza causare interruzioni di corrente o problemi con Sistemi di navigazione satellitare GPS, come previsto.
Le condizioni sono cambiate di notte quando la tempesta si è intensificata, salendo alla categoria "forte" (G3) su una scala da una a cinque, ha detto Bob Rutledge, capo del dipartimento di previsioni meteorologiche spaziali presso la National Oceanic and Atmospher Administration degli Stati Uniti (NOAA). "Abbiamo finito per ottenere qualcosa dal forte impatto che ci aspettavamo", ha detto, spiegando che il cambiamento era dovuto a un cambiamento nel campo magnetico all'interno dell'espulsione di massa coronale esplosa dal sole.
"Quando si osserva la tempesta a livello globale, in termini di dimensioni e potenza, si potrebbe dire che è la tempesta più forte dal novembre 2004", ha detto. Negli stati settentrionali degli Stati Uniti, come Wisconsin, Michigan e Washington, c'erano registrazioni di uno spettacolo di luci notturne, causato dalle luci del nord, quando particelle molto cariche interagiscono con il campo magnetico di Tierra, creando un bagliore colorato. E sebbene gli operatori elettrici abbiano già "visto questi cambiamenti nei loro sistemi, tutto dovrebbe essere all'interno di ciò che sono in grado di gestire", ha aggiunto Rutledge.
Sebbene sia prevista una graduale riduzione della tempesta a partire da venerdì, Rutledge ha avvertito della possibilità di ulteriori cambiamenti fino a domenica a causa di un'eruzione durante la notte nella stessa regione solare nota come 1429, che è stata attiva dall'inizio della settimana. .
Il bagliore solare ha raggiunto il livello due su una scala di cinque e non era grande quanto l'eruzione di martedì, ma è stato combinato con un'espulsione di massa coronale che, secondo Rutledge, si dirigerà verso la Terra all'alba di domenica. “Interesserà la Terra. È indirizzato direttamente a noi ", ha detto.
"Pensiamo che ciò potrebbe causare un'intensità della tempesta che può raggiungere di nuovo il livello G3. Non pensiamo che abbia la stessa intensità sostenuta della tempesta appena terminata ”, ha aggiunto.
Le tempeste geomagnetiche e di radiazione sono sempre più frequenti man mano che il Sole evolve dal suo periodo di attività minima a massima nei prossimi anni, ma le persone sono generalmente protette dal campo magnetico terrestre. Tuttavia, alcuni esperti sono preoccupati perché, poiché la dipendenza dalla tecnologia satellitare GPS è maggiore rispetto all'ultimo picco dell'attività solare, potrebbero esserci maggiori disturbi nella vita moderna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *